Emma, il fisico del lavoratore medio tra 20 anni

Emma, il fisico del lavoratore medio tra 20 anni

Ergonomia, Innovazione

Seating is the new smoking

Abbiamo più volte fatto riferimento al motto “seating is the new smoking”( la sedentarietà è il nuovo fumo). Non meno raramente, parliamo dell’importanza della postura e della scelta dei componenti d’arredo per agevolare l’armonia del corpo. Siamo profondamente convinti di quanto una seduta studiata secondo le regole antropometriche possa fare la differenza per la salute. Nonostante questo, leggere l’ultimo rapporto sul futuro dell’ambiente di lavoro e delle conseguenze sui lavoratori, ci ha impressionato.

Come cambierà il fisico

Lei è Emma, una bambola a grandezza naturale che rappresenta l’aspetto di un impiegato medio nel Regno Unito( ma non cambia nulla il discorso altrove) tra 20 anni se le condizioni lavorative continuano a perseverare. Le sue gambe sono gonfie e coperte di vene varicose. I suoi occhi sono piatti e morti, e la sua schiena sembra che sia del Gobbo che passava le sue giornate a suonare il campanello della Cattedrale di Notre Dame. Il tutto senza Esmeralda e personaggi animati.

Colleghi di lavoro nel futuro.

Il nuovo rapporto intitolato “The Work Colleague of The Future”, steso da un team di esperti di salute guidati dal futurista comportamentale William Higham ha esaminato i dati di un sondaggio in cui sono stati coinvolti oltre 3.000 impiegati in Francia, Germania e Regno Unito.

Gli impiegati che hanno partecipato alla ricerca hanno dichiarato di aver già sofferto di mal di occhi (50 percento), mal di schiena (48 percento) e mal di testa (48 percento) a causa del loro ambiente di lavoro e hanno informato il designer della bambola Emma ​​che hanno anche sofferto di eczema correlato allo stress , eccesso di peso e arti gonfi.

Se non pensiamo bene all’ambiente di lavoro, secondo Higham, ci dirigiamo verso un futuro in cui vedremo un sacco di Emma.

“A meno che non apportiamo cambiamenti radicali alla nostra vita lavorativa, ad esempio spostandoci di più, prestando attenzione alla nostra postura durante le ore lavorative, facendo pause regolari o prendendo in considerazione la possibilità di migliorare la configurazione della nostra postazione di lavoro, i nostri uffici ci faranno molto male”, ha detto, secondo a The Independent.

Non hai più scuse per trovare la tua sedia ufficio.

Ovunque voi stiate lavorando, verso qualsiasi cosa siate dediti, non dimenticate di non impigrire il corpo. Non scegliete la sedia più economica, non vi può garantire ergonomia. Scegliere una sedia è come scegliere una macchina. Per entrambe, pensate alla sicurezza, oltre che al comfort e all’estetica.