PRESE DI COSCIENZA SULL’UFFICIO POST-COVID

PRESE DI COSCIENZA SULL’UFFICIO POST-COVID

Non categorizzato

Non c’è dubbio che COVID-19 abbia provocato cambiamenti nel modo in cui lavoriamo, così come nel modo in cui vedremo e vivremo il luogo fisico dell’ufficio. Ciò che abbiamo vissuto in quarantena può costituire una grossa base su cui pensare agli elementi che contribuiscono al benessere lavorativo. Abbiamo raggruppato questi aspetti in quattro macro-categorie: tecnologia, spazio fisico, benessere sul lavoro, senso di comunità. Abbiamo proposto piccole soluzioni. Il tutto per rendere il mondo dell’ufficio più felice e più sano.

Problemi di connessione, arredo non idoneo a lavorare a tempo pieno, isolamento dai nostri colleghi e incapacità di separare chiaramente la nostra vita domestica da quella lavorativa hanno reso il lavoro a distanza una realtà necessaria ma non ideale per alcuni di noi. Per tutti, la speranza è che i datori di lavoro possano aver preso coscienza di quanto vissuto e possano incoraggiare i luoghi di lavoro che offrano il meglio di entrambi i mondi.

Tecnologia

Un chiaro risultato dell’improvviso passaggio al lavoro a distanza è un rinnovato apprezzamento per la tecnologia di alta qualità. Avete avuto difficoltà a mandare un’e-mail urgente perché la vostra connessione crollava? Avete avuto problemi di collegamento durante un’importante videochiamata? Molto probabilmente si…abbiamo sperimentato un po’ tutti una delusione da una tecnologia scadente. Tali singhiozzi tecnologici non sono solo una fonte di crescente frustrazione per i lavoratori alle prese con linee interrotte di comunicazione, ma contribuiscono in modo determinante a un calo della produttività, nonché a picchi di stress correlato al lavoro.

In risposta, l’ufficio a cui torneremo dopo COVID-19 dovrà incorporare una tecnologia di qualità che promuova canali di comunicazione affidabili. Non solo, dovrà a consentire ai dipendenti sempre più abituati a lavorare in remoto di essere più liberi e flessibili. Una rete Internet ad alta velocità può aiutare a fornire un modo più snello di lavorare. Questo non avrebbe solo un impatto significativo sulla produttività, ma impedirebbe alle piccole frustrazioni tecnologiche di diventare una fonte di stress maggiore.

Spazio fisico

Essere stati a casa e aver avuto un maggiore controllo sul nostro ambiente di lavoro è stato un importante promemoria che l’ambiente fisico in cui lavoriamo ha un impatto importante sulla nostra produttività e sul nostro benessere. La luce naturale e la qualità dell’aria, ad esempio, hanno effetti significativi sulla salute fisica e mentale di un individuo. Allo stesso modo, l’arredo non adatto può causare uno sforzo fisico significativo. Pensare a questi fattori per proteggere la forza lavoro è fondamentale, qualche idea:
-creare spazi che introducono luce naturale( o,in caso di impossibilità, un’illuminazione specializzata che imita la luce naturale);
-creare piccole e diffuse aree verdi;
-uso di arredo ergonomico e flessibile( uso di scrivanie regolabili in altezza o da montaggio veloce, sedie progettate per supportare la zona lombare).

Benessere sul lavoro

Non sorprende che l’incertezza e l’ansia siano state le caratteristiche principali di questa pandemia globale e, di conseguenza, la salute mentale ed emotiva sono emerse come questioni a cui i lavoratori e i datori di lavoro devono essere sempre vigili.

Mentre molti dei fattori già menzionati, dall’aumentata connettività ai migliori elementi dell’ufficio fisico, avranno un impatto significativo sul benessere mentale del personale, sarà anche cruciale promuovere un ufficio “emotivamente intelligente”. Come rendere più intelligente emotivamente il proprio ufficio? Un paio di idee:
-zone relax;
-spazi sociali;
-zone per allenamento fisico( training, yoga).
Lo sappiamo, gran parte di queste proposte prevede investimenti( e cura, data la situazione pandemica) non indifferenti ma se vi dicessimo che gli effetti sarebbero notevoli?

Promuovere la comunità attraverso il design

Dopo aver trascorso molto tempo lontano dai colleghi durante il COVID-19, molti di noi si stanno rendendosi conto che semplici connessioni umane e un positivo senso di comunità sono elementi sottovalutati di un ufficio che influenzano la nostra produttività, motivazione e benessere generale. Di conseguenza, dovremmo aspettarci che la comunità sia al centro dei nostri uffici post-COVID-19.

Nei mesi a venire, è probabile che i fornitori di uffici mostrino una crescente preferenza per gli spazi di lavoro che presentano piani pianificati aperti e aree che promuovano la collaborazione e la socializzazione. Un modo semplice in cui le aziende possono aiutare a farlo senza riprogettare completamente l’ufficio è quello di creare “punti di collisione” come centralizzare la stampante e le macchine da caffè per incoraggiare le interazioni sociali spontanee tra colleghi.

Prese di coscienza sull’ufficio post-COVID

Ci auguriamo che questi cambiamenti possano avvenire in seguito al COVID-19. Con i lavoratori sempre più consapevoli dell’importanza di infrastrutture tecnologiche di alta qualità, della valorizzazione degli spazi di lavoro che promuovono la salute fisica, il benessere mentale e il senso di comunità, necessario è interiorizzare queste consapevolezze. Da parte nostra, l’intenzione è proporre ambienti migliori per riflettere queste prese di coscienza e contribuire a creare una forza lavoro più felice e più sana.